Etica di business

Saipem è un gruppo industriale internazionale che, per le sue dimensioni e l'importanza delle sue attività, è consapevole del ruolo significativo che svolge sul mercato e nello sviluppo economico e nel garantire il benessere delle persone che lavorano per o con Saipem e delle comunità in cui opera.

Saipem si impegna a mantenere e rafforzare un sistema di governance in linea con gli standard internazionali, idoneo a gestire la complessità delle situazioni in cui opera e le sfide che si trova ad affrontare  per lo sviluppo sostenibile.

Per Saipem, sostenibilità significa lavorare con la consapevolezza della responsabilità nei confronti di tutti gli stakeholder. Garantire relazioni di collaborazione basate sull’equità con ciascuno di essi è fondamentale per il successo dei progetti in cui la Società è coinvolta.

Il modello di sostenibilità di Saipem guida tutti i processi aziendali. È orientato all’eccellenza e al conseguimento di obiettivi di lungo termine per prevenire, ridurre e gestire i possibili rischi.

Saipem opera nel quadro di riferimento della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, delle Convenzioni Fondamentali dell’ILO - International Labour Organisation e delle Linee Guida dell’OCSE dedicate alle imprese multinazionali.

L’azienda ripudia qualsiasi forma di discriminazione, corruzione, lavoro forzato o lavoro minorile. In particolare, Saipem presta attenzione al riconoscimento e alla salvaguardia della dignità, della libertà e dell’uguaglianza degli esseri umani, alla tutela del lavoro e alla libertà sindacale, alla tutela della salute, della sicurezza, dell’ambiente e della biodiversità, nonché ai valori e ai principi relativi alla trasparenza, all’efficienza energetica e allo sviluppo sostenibile, in conformità con le organizzazioni e le convenzioni internazionali.

Il rispetto per i diritti umani è il fondamento per una crescita inclusiva delle popolazioni e delle regioni, e di conseguenza delle aziende che si sviluppano in esse. Saipem contribuisce alla creazione delle condizioni socio-economiche necessarie per l'effettivo godimento dei diritti fondamentali e promuove la crescita professionale e il benessere delle popolazioni locali.

Nel 2017, nell’ambito dell’impegno di Saipem nel promuovere i diritti umani e dei lavoratori nelle proprie attività, la Società ha pubblicato la sua prima Policy sui Diritti Umani.

Saipem ha inoltre costituito il  Comitato Sostenibilità, Scenari e Governance.

Il Codice Etico forma parte integrante e sostanziale del Modello 231 e rappresenta un principio generale non derogabile.

Il Codice Etico Saipem è unico per tutte le Persone di Saipem.

Esso definisce con chiarezza, nell’osservanza delle norme di legge, l’insieme dei valori che la Società riconosce, accetta e condivide, nonché l’insieme delle responsabilità che essa assume verso l’interno e verso l’esterno. Esso impone correttezza, lealtà, integrità e trasparenza nelle operazioni, nei comportamenti, nel modo di lavorare e nei rapporti sia interni al Gruppo che nei confronti dei soggetti esterni.

L’osservanza del Codice Etico da parte degli amministratori, dei sindaci, del management e dei dipendenti di Saipem, nonché di tutti coloro che operano in Italia e all’estero per il conseguimento degli obiettivi di Saipem (“Persone di Saipem”), ciascuno nell’ambito delle proprie funzioni e responsabilità, è di importanza fondamentale – anche ai sensi e per gli effetti delle norme di legge e di contratto che disciplinano il rapporto con Saipem – per l’efficienza, l’affidabilità e la reputazione della Società, fattori che costituiscono un patrimonio decisivo per il successo dell’impresa e per il miglioramento del contesto sociale in cui Saipem opera.

A ogni persona di Saipem è, infatti, richiesta la conoscenza dei principi e dei contenuti del Codice Etico, nonché delle procedure di riferimento che regolano le funzioni e le responsabilità ricoperte.

Il Codice Etico prevede l’istituzione del Garante del Codice Etico, le cui funzioni sono assegnate all’Organismo di Vigilanza, organo collegiale dotato di “autonomi poteri di iniziativa e controllo” ai sensi dell’art. 6, comma 1, lettera b), del D.Lgs. n. 231 del 2001 sulla responsabilità degli enti per gli illeciti amministrativi dipendenti da reato.

I compiti assegnati al Garante riguardano, fra gli altri, la promozione di attività divulgative e di formazione dei dipendenti di Saipem, l’esame delle notizie di possibili violazioni del Codice Etico e la comunicazione alle strutture competenti dei risultati delle verifiche rilevanti per l’assunzione delle misure opportune.

Sempre nell’ottica di una migliore ed efficace diffusione dei principi enunciati nel Codice Etico e nel Modello 231, Saipem ha altresì emesso la “Guida Saipem alla Business Integrity”, avente l’obiettivo di fornire ai dipendenti un ulteriore strumento di facile lettura e consultazione per meglio comprendere e condividere i valori etici della Società. La Guida fornisce una panoramica sui principi e sulle policy di riferimento, oltre ad alcuni chiarimenti e alla descrizione di casi pratici nella sezione “Cosa fare se”. La Guida non si sostituisce al Codice Etico, al Modello 231 o alle procedure, ma ne agevola la comprensione.

Saipem ha posto in atto un sistema solido ed efficace per scoraggiare, rilevare, indagare e segnalare illeciti nella società e il processo di segnalazione è parte di esso.

Saipem è dotata di un sistema di gestione delle segnalazioni, anche anonime, valido in Italia e all'estero e per tutte le società del Gruppo.

Assicuriamo la ricezione, gestione, analisi e trattamento delle Segnalazioni, anche anonime, ricevute da Saipem SpA e da sue controllate, in Italia e all'estero.

In osservanza di quanto previsto dalla Direttiva (UE) 2019/1937 e dalle relative leggi di recepimento, dal Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs. n. 231 del 2001 e dagli Strumenti Normativi interni Anti-Corruzione, abbiamo adottato un sistema di gestione delle segnalazioni che ci permette di gestire le segnalazioni, anche anonime, ricevute da Saipem SpA e dalle società controllate in Italia e all’estero.

Qualunque sia il canale utilizzato, garantiamo la ricezione, l'analisi e il trattamento di segnalazioni inoltrate da chiunque, anche in forma anonima:

  • Persone di Saipem (Risorse che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolgono la propria attività nell’ambito della società, anche senza la corresponsione di una retribuzione al solo fine di apprendimento, dipendenti di ditte terze che hanno relazioni dirette con l'azienda)
  • altri soggetti terzi in relazioni d’interesse con Saipem, ad es. Business Partner, clienti, fornitori, società di revisione di Saipem, consulenti, collaboratori;
  • tutti gli stakeholder, inclusi gli azionisti e le persone con funzioni di amministrazione, direzione, controllo, vigilanza o rappresentanza.

Si tratta di segnalazioni aventi a oggetto comportamenti, in violazione del Codice Etico, di leggi, regolamenti, normative interne, provvedimenti delle Autorità, Modelli 231.

È garantita la massima riservatezza sui soggetti e sui fatti segnalati, nonché sull’identità dei segnalanti, affinché chi effettua la segnalazione non sia soggetto ad alcuna forma di ritorsione.

Le segnalazioni possono essere inviate attraverso il seguente modulo – idoneo a garantire, con modalità informatiche, la riservatezza dell'identità del segnalante:

https://www.saipem.com/it/chi-siamo/codice-etico-aziendale/segnalazioni

 

Si ricorda che, in alternativa, è possibile inviare la segnalazione anche attraverso i seguenti canali:

  • posta ordinaria (indirizzo: Saipem SpA, Funzione Spot Audit and Whistleblowing, Via Luigi Russolo 5, 20138 Milano (MI), Italia;
  • via email, all’ indirizzo di posta elettronica: WhistleBlowing@saipem.com;
  • attraverso la casella vocale al numero +39 02 442 53012 a disposizione della Funzione Spot Audit and Whistleblowing;
  • incontro diretto con la Funzione Spot Audit and Whistleblowing.

Fermo l’utilizzo preferenziale dei canali di segnalazione messi a disposizione da Saipem, nei casi tassativamente indicati ai sensi dell’art. 6 del D.Lgs. 24 del 10 marzo 2023, è possibile effettuare segnalazione anche all’autorità competente in materia (ANAC).

Le informazioni e i dati personali che vengono comunicati nel contesto delle segnalazioni sono trattati per gestire e dare seguito alle segnalazioni stesse, nonché indagare le eventuali condotte segnalate e adottare le misure necessarie in conformità con le leggi applicabili, inclusa la normativa in materia di protezione dei dati personali. Per maggiori informazioni sulle modalità e finalità del trattamento dei dati personali inclusi nelle segnalazioni e raccolti durante la procedura, vi invitiamo a consultare le informative per il trattamento dei dati disponibili sulla presente pagina.

Da sempre Saipem conduce il proprio business con lealtà, correttezza, trasparenza, integrità e nel pieno rispetto delle leggi e dei regolamenti. In tale contesto la corruzione rappresenta un ostacolo intollerabile all’efficienza del business e alla leale concorrenza.

Saipem adotta un dettagliato sistema di regole e controlli che costituisce il “Compliance Programme Anticorruzione” finalizzato alla prevenzione della corruzione in coerenza con le best practice internazionali e con il principio di “zero tolerance” espresso anche nel Codice Etico.

In particolare, il Codice Etico di Saipem stabilisce che “Pratiche di corruzione, favori illegittimi, comportamenti collusivi, sollecitazioni, dirette e/o attraverso terzi, di vantaggi personali e di carriera per sé o per altri, sono senza eccezione proibiti”.

Il “Compliance Programme Anticorruzione” di Saipem si connota per la sua dinamicità e per la costante attenzione all’evoluzione del panorama normativo nazionale e internazionale e delle best practice.

Nel corso degli anni, in un’ottica di miglioramento continuo, il “Compliance Programme Anticorruzione” è stato costantemente aggiornato nel rispetto delle disposizioni anticorruzione applicabili e delle convenzioni internazionali (incluse la “Convenzione delle Nazioni Unite contro la corruzione” del 2003, la “Convenzione dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico sulla lotta alla Corruzione dei Pubblici Ufficiali stranieri nelle operazioni economiche internazionali” del 1997, lo US Foreign Corrupt Practices Act del 1977, lo UK Bribery Act del 2010, il Decreto Legislativo dell’8giugno 2001 n. 231 e la legge francese n.1691 del 2016 (“Sapin II”).

Nel 2019 Saipem SpA ha emesso l’ultima revisione della Management System Guideline (MSG) “Anticorruzione” che rappresenta un miglioramento del contesto normativo del “Compliance Programme Anticorruzione” e dei sistemi di Corporate Governance di Saipem in materia di anticorruzione. L’ adozione e attuazione della MSG Anticorruzione è obbligatoria per Saipem SpA e tutte le sue società controllate.

Saipem richiede il rispetto da parte dei Business Partner delle leggi applicabili, incluse le leggi anticorruzione, nell’ambito delle attività di business svolte con Saipem, nonché l’impegno a conformarsi ai principi di riferimento contenuti nella MSG Anticorruzione, pubblicata sul sito internet di Saipem

Saipem è stata inoltre tra le prime aziende italiane ad aver conseguito sin dal 2018 il certificato internazionale ISO 37001:2016 “Sistemi di gestione per la prevenzione della corruzione – Requisiti e guida all’utilizzo ” La certificazione, assegnata da un ente terzo indipendente, identifica uno standard di gestione, definisce requisiti e fornisce una linea guida per aiutare un’organizzazione a prevenire, individuare, rispondere a fenomeni di corruzione e a conformarsi alla legislazione anticorruzione e altri eventuali impegni volontari applicabili alle proprie attività.

Tutte le persone di Saipem sono responsabili del rispetto della normativa anticorruzione: per questo tutti i documenti inerenti sono resi accessibili attraverso gli opportuni canali aziendali. In tale contesto, un ruolo di primaria importanza spetta ai manager, chiamati a promuovere il rispetto delle procedure anticorruzione anche da parte dei propri collaboratori.
Inoltre, nella consapevolezza che il primo elemento per lo sviluppo di un’efficace strategia di contrasto al fenomeno corruttivo è rappresentato dalla maturazione di un’approfondita conoscenza degli strumenti di prevenzione, Saipem considera particolarmente rilevanti le iniziative di formazione e le attività di sensibilizzazione.
 

Segnalazioni

Segnalazioni relative a problematiche di sistema di controllo interno, informativa societaria, responsabilità amministrativa della società, frodi o altre materie (violazioni del Codice di comportamento, pratiche di mobbing, furti, security, ecc.).

Invia segnalazione

Provvedimenti disciplinari sono previsti nei confronti delle persone di Saipem che violino le norme anticorruzione e che omettano di riportare violazioni di cui siano venuti a conoscenza.

Management system guideline anticorruzione

pdf - 01-2024

Codice Etico Saipem

pdf - 08-2023

Codice Etico Saipem (versione inglese)

pdf - 09-2023

Codice Etico Saipem (versione rumena)

pdf - 08-2023

Codice Etico Saipem (versione olandese)

pdf - 08-2023

Codice Etico Saipem (versione spagnola)

pdf - 08-2023

Codice Etico Saipem (versione portoghese)

pdf - 08-2023

Codice Etico Saipem (versione indiana - Tamil)

pdf - 08-2023

Codice Etico Saipem (versione kazaka)

pdf - 08-2023

Codice Etico Saipem (versione filippina)

pdf - 08-2023

Codice Etico Saipem (versione indiana - Hindi)

pdf - 09-2023

Codice Etico Saipem (versione araba)

pdf - 09-2023

Codice Etico Saipem (versione francese)

pdf - 08-2023

Codice Etico Saipem (versione norvegese)

pdf - 08-2023

Codice Etico Saipem (versione russa)

pdf - 08-2023

Codice Etico Saipem (versione tailandese)

pdf - 08-2023

Codice Etico Saipem (versione indonesiana)

pdf - 08-2023

Codice Etico Saipem (versione brasiliana)

pdf - 08-2023