Saipem e il Global Compact delle Nazioni Unite

Dal 2016 Saipem fa ufficialmente parte del Global Compact delle Nazioni Unite, ai cui principi di protezione dell’ambiente, rispetto per i diritti umani e dei lavoratori e lotta contro la corruzione, la società trae ispirazione per gestire un business etico e sostenibile che crei valore per i suoi stakeholder.

Aderendo all'iniziativa, Saipem si impegna a rispettare e promuovere i Dieci Principi del Global Compact delle Nazioni Unite, integrandoli nei valori, nella strategia di business e nelle attività dell'Azienda. L'impegno di Saipem per tutelare e promuovere i diritti umani e dei lavoratori si riflette nella sua condotta responsabile nei confronti dei collaboratori e nell'attenzione per garantire una catena di fornitura eticamente corretta e affidabile. La responsabilità ambientale è dimostrata dal continuo sviluppo tecnologico per ridurre al minimo l'impatto ambientale e dalla sua promozione di una cultura rispettosa dell'ambiente tra gli stakeholder, inoltre Saipem è dotata di un avanzato sistema di corporate governance e partecipa attivamente alla lotta contro la corruzione.

Allo stesso tempo Saipem contribuisce al raggiungimento dei 17 Sustainable Development Goals (SDGs). Nel mese di settembre del 2015 tutti i 193 Stati membri delle Nazioni Unite hanno adottato l'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, un programma della durata di 15 anni che tra i suoi obiettivi annovera l'eliminazione della povertà estrema, la lotta contro la disuguaglianza e l'ingiustizia e la protezione del pianeta. I 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile sono al centro dell'Agenda. Lavorando per raggiungere questi obiettivi, Saipem si è concentrata in particolare su quelli direttamente legati alla propria attività principale e alla sua capacità di creare valore nelle zone in cui opera.

 

"Il nostro impegno nel rendere questa iniziativa e i suoi principi parte integrante della nostra strategia di business, delle nostre attività quotidiane e della nostra cultura aziendale è autentico".

Stefano Cao, CEO di Saipem

metatags injection