Calendario finanziario

 
Calendario
Previous Month    Ago   2014 Next Month  
 Lu   Ma   Me   Gi   Ve   Sa   Do 
28 29 30 31 01 02 03
04 05 06 07 08 09 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Outlook Web App

Comunicato Stampa

12 ottobre 2000; h 12:00

Saipem, società del Gruppo Eni, annuncia la cessione ai consorziati Snamprogetti e Aquater del Gruppo Eni e C.C.C. (Consorzio Cooperative Costruttori) del 98.1 % della propria quota nel Consorzio Cepav 1, responsabile dell’esecuzione della tratta Milano-Bologna del Progetto dell’Alta Velocità ferroviaria.

Saipem era entrata nel Consorzio nel 1991 nel contesto di una strategia volta ad affiancare al tradizionale business petrolifero nuove aree di attività legate al settore delle grandi infrastrutture di trasporto.

Il processo decisionale per l’Alta Velocità è stato lento e complesso e sono stati necessari circa nove anni per arrivare nell’agosto 2000 alla firma dell’Atto Integrativo tra TAV e Cepav 1.

Nel frattempo il mercato petrolifero si è fortemente sviluppato e Saipem si è andata sempre più concentrando sul core-business che richiede focalizzazione assoluta di risorse umane, mezzi e tecnologie.

La cessione della quota è una naturale conseguenza di tale decisione strategica.

Il Progetto dell’Alta Velocità rappresenta un valore di 275 milioni di euro nel backlog di Saipem che alla fine di giugno 2000 era di 2601 milioni di euro.